Glossario del vino: i termini in etichetta

Leggere l’etichetta di un vino non è poi così semplice. Ecco qua un glossario del vino con tutti i termini che puoi trovare in etichetta.

Vini fermi

  • _______ Superiore: vino prodotto con un grado più alto della versione “base” e affinato più a lungo. Qualitativamente ritenuto migliore;
  • _______ Riserva: indica che una parte della produzione era particolarmente buona, tanto da tenerla separata e lasciarla invecchiare più a lungo;
  • Vigneto _______: indica che quel vino è stato prodotto utilizzando l’uva di quel singolo vigneto;
  • _______ Gran Selezione: vino prodotto da vigna singola o da selezione delle migliori uve esclusivamente di proprietà aziendale;
  • _______ Classico: indica che quel vino è stato prodotto nella zona più storica della denominazione, allargata successivamente ai territori vicini per aumentarne la produzione (non confonderlo con il Metodo Classico);
  • Vendemmia Tardiva: vino prodotto con uve raccolte dopo il normale stato di maturazione (surmature) per conferire maggiore struttura, grado e particolarità al vino.

Esistono regolamenti specifici per ogni vino che specificano quali termini sono ammessi in etichetta. Alcuni termini possono essere combinati tra loro.

Vini frizzanti e spumanti

  • Vino spumante: vino prodotto facendo rifermentare altro vino (chiamato vino base). Se la rifermentazione avviene in bottiglia è uno spumante Metodo Classico (come lo Champagne), se avviene  in autoclave è un Metodo Charmat (come il Prosecco). Ha una sovrapressione di almeno 3,5 bar;
  • Metodo Classico: è una metodo di produzione dello spumante. La rifermentazione avviene in bottiglia. Ne esce così un vino con le bollicine;
  • Metodo Charmat (o Martinotti): è una metodo di produzione dello spumante. La rifermentazione avviene in autoclave. Ne esce così un vino con le bollicine che viene poi imbottigliato;
  • Spumante Millesimato: vino prodotto utilizzando vino base di un’unica annata;
  • Spumante Cuvée: vino prodotto utilizzando vino base di più annate, mescolati insieme per mantenere un gusto più costante possibile negli anni;
  • Satèn: vino spumante Franciacorta che ha una pressione massima di 5 bar per dare una sensazione più setosa in bocca;
  • Brut, Dry, Extra Dry: indicano la quantità di zucchero che contiene un vino spumante;
  • Vino frizzante: vino che presenta una leggera bollicina con una sovrapressione tra 1 e 2,5 bar.
  • Metodo Ancestrale: è una metodo di produzione di spumante o frizzante. Avviene in bottiglia come un metodo classico, ma senza l’aggiunta di zucchero e lieviti. Leggi qua.

Vini speciali

  • Passito: vino prodotto con uve sottoposte ad appassimento (disidratazione) per aumentarne grado, struttura e complessità organolettiche. I passiti possono essere dolci (come il Passito di Pantelleria) o secchi (come l’Amarone);
  • Fortificato (o Liquoroso): vino a cui è stato aggiunto alcol per bloccarne la fermentazione. Il vino risulta dolce con un grado alcolico tra 15 e 22.

Termini generici

  • Contiene Solfiti: i solfiti sono un conservante indicato in etichetta perché allergenico. Sono presenti nella frutta secca, marmellate, insaccati e nella birra. Non causano mal di testa;
  • Biologico: vino ottenuto da uve coltivate senza l’utilizzo di pesticidi di sintesi e senza prodotti enologici di sintesi;
  • Vino Varietale (Chardonnay, Cabernet, Merlot ecc.): vino che contiene almeno l’85% della varietà indicata in etichetta;
  • IGT: vino prodotto secondo un regolamento molto generico e relativo ad una vasta area;
  • DOC: vino prodotto secondo un disciplinare abbastanza stringente che delimita una zona e alcune caratteristiche minime necessarie, come grado, estratto e zuccheri;
  • DOCG: vino DOC a cui è stata aggiunta una G per la sua storicità e importanza nel mercato.

Li conoscevi tutti?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *